lunedì 13 febbraio 2012

Trieste e le sue varianti. Giusto per iniziare.

Trieste e le sue varianti. Trieste e le sue scontate infinite magnifiche retoriche, le ferite, lo stordimento, il carico di passato, le celebrazioni, la Risiera. Trieste e la letteratura.


..e Joyce che scrisse a Nora, che la sua anima era lì anche se lui era esule ed errante e sarebbe ancora stato fra Parigi, Zurigo,e chissà dove postulante ed errante. Trieste e una strada per conoscerla In arrivo fra un po' di tempo, come libro nella collana cahier, a cui sta lavorando Sabrina Campolongo. E in arrivo qui, a tratti, a frammenti, a piccoli assaggi, esplorazioni multimediali, com'è questa collana, com'è questo spazio ibrido.
Per video, derive emotive narrate. Dove e con che mezzo, su quale supporto, si sa che in fondo è irrilevante. O quasi.



Nessun commento:

Posta un commento