venerdì 30 settembre 2011

wifi da starbucks, dopo la registrazione: quasi magia





Ed ecco finalmente qualche immagine. Mi pare quasi una magia, eppure qui, da Starbucks la connessione è gratuita e disponibile. Ma ieri non avevo il computer con me. Avevo solo un taccuino-cahier che ho comperato a Parigi agli inizi di settembre che ho riempito di note, tanto da finire tutte e due le penne che avevo. Non mi capitava da tanto tempo. Stamattina, in un kiosk ho comperato del cioccolato e ho chiesto delle biro. Me ne ha regalate tre, il ragazzo, con un sorriso, dicendo che tanto anche a lui le regalavano. Di certo, dopo continuerò ad usarle. Mi piace riempire il taccuino a pagine bianche ma avevo promesso aggiornamenti in tempo reale, ci tenevo molto. Queste sono foto prese dal punto che più amo della Limmat. Dove passa il mio cigno, che non ha mancato, neanche stavolta. Dove, a volte, il fiume ha ricevuto le mie lacrime, le mie parole sussurrate, o solo il mio sguardo. Zurigo è un tutto con questo suo sbocco d'acqua, composto da due fiumi e dal lago.
Anche Joyce, quando visse qui, amava gli argini, le confluenze.

Nessun commento:

Posta un commento