giovedì 15 ottobre 2009

Villefranche sur mer



Un posto che ti fa percepire nitidamente una cosa rara e precisa, che è bello vivere, che la bellezza ti si si può offrire davanti così, quasi per caso, senza chiederti nulla, occupandoti occhi e cuore. La bellezza senza condizioni, quella che ti avvolge e ti innamora per sempre, e sai che Calvino aveva ragione quando diceva che con le città e i luoghi intrecciamo amori segreti L' ho pensato una sera guardando il golfo che si apre sotto il paese-anfiteatro. Un posto di cui scriverò ancora, con due hotel- quasi casa dalle immense terrazze che ti pare di esserci sopra, a quell'acqua tranquilla e brillante, fra le barche e i cabinati.
Un luogo, Villefranche, che Jean Cocteau amò molto, ci abitò, ci lavorò e affrescò una minuscola cappella vicino alla stazione marittima, per i suoi amici pescatori.

Nessun commento:

Posta un commento